venerdì 27 gennaio 2017

Intervista esclusiva alla Medium considerata numero uno in Italia



Quando l’ho raggiunta in un teatro di Roma per assistere a uno dei suoi incontri pubblici sono rimasta bloccata sulla porta d’ingresso, impossibilitata ad entrare in una sala piena all’inverosimile. Mi è venuta a prendere l’assistente, avvisata della mia presenza quella sera. Ho occupato il posto in un angoletto, il migliore per osservare. Gran parte dei presenti è lì perché sta vivendo un lutto, ma ci sono anche curiosi e studiosi di paranormale. La Medium parla dal palcoscenico, ogni tanto si interrompe, avvisa qualcuno tra il pubblico della presenza accanto di Entità, ne fa una descrizione dettagliata di eventi o luoghi che le sono descritti, utili al destinatario del messaggio per il riconoscimento. Il clima che si crea è particolare, quasi di guscio protettivo, e la sensazione è che in quel salone due mondi, solitamente tenuti distanti, si sono avvicinati fino a diventare tutti abitanti di un unico mondo.
Una settimana dopo ci incontriamo per l’intervista, pranziamo insieme, il tempo con lei si annulla. L’intervista è ormai terminata quando mi mostra alcune foto private e una confezione di plastica trasparente, da dove si vede un telo bianco in alcuni punti macchiato. La prendo, non capisco, mi viene spontaneo girarla, noto una piccola foto in bianco e nero di Padre Pio. Mi spiega che è un telo sul quale il frate di Pietrelcina si tamponava le ferite delle stigmate, regalo prezioso di Frate Modestino, al quale era legata da profonda amicizia. Ci stiamo per congedare quando percepisce alcune questioni, me le comunica. Ho la conferma che è straordinariamente precisa nelle sue visioni e percezioni. Le mostro una foto, che per me ha rappresentato un tassello di mosaico mancante nella rete familiare, mi dà la descrizione di dinamiche e epilogo. Alcune informazioni per me sono nuove. Qualche giorno dopo ci rivediamo in una sala congressi, dove io mi reco per assistere a un altro suo incontro, ci salutiamo. Nel frattempo ho condotto le mie ricerche, ascoltato testimonianze utili per capire se quanto rivelato poteva corrispondere al vero. Tutto combaciava. Oggi quel tassello di mosaico è tornato al suo posto, lì dove mancava da più di cento anni.
Sul settimanale MIO in edicola questa settimana, la mia intervista esclusiva a Giohà Giordano, la Medium considerata numero uno in Italia, per scoprire che “la morte non esiste” e non siamo mai soli. L’aldilà come nessuno lo aveva mai descritto prima.

La sagoma del volto di Padre Pio da Pietrelcina compare in una foto scattata dalla macchina fotografica che la Medium portava al collo mentre era in fila per ricevere la Comunione nella Chiesa di San Giovanni Rotondo (Foggia) 

Nessun commento:

Posta un commento